Sabato 2 luglio 2016.

Caldo mostruoso. La temperatura era già fastidiosa quando io e Pol (il bassista dei Madyon) partimmo la mattina presto da Cuneo ma arrivati a Torino il clima diventò insopportabile.

Quel giorno, per la prima volta, avremmo registrato al di fuori del nostro studio le sessioni di LOHMA, il canale YouTube che avevamo aperto per valorizzare altre realtà sommerse del panorama indipendente, sulla base dell’esperienza dei Madyon.

Avevamo affittato i locali di un circolo nel mezzo del quartiere San Salvario e il calendario della giornata era al completo con quattro sessioni di registrazione per altrettante band da registrare. Ci saremmo fermati soltanto un’oretta a pranzo.

E fu proprio poco prima di pranzo che ricevemmo una telefonata.

“Ciao, mi chiamo Silvia Harrison, mi hanno detto che oggi registrate le sessioni per il canale YouTube LOHMA. Mi trovo qui a Torino con la band Safehaus di Glastonbury che vorrebbe registrare un paio di brani, sono molto bravi…”

Ovviamente l’unico spazio libero era l’ora di pranzo e la mia fiducia nel prossimo scarseggia ormai da anni.

“Immagino che per allestire il set e registrare serva molto tempo ma loro ottimizzerebbero facendo una sola take, buona la prima, fidatevi: sono davvero bravi”

Incuriosito accettai.

Ben, Jim, Robin e Paul collegarono i loro strumenti sapendo di avere una sola take a disposizione. Un cenno di intesa e “two, three, four”.

Il brano si intitolava “Leave It All” e, una volta finito, io e Pol ci guardammo non riuscendo a togliere dalle nostre facce quel sorrisino isterico di chi è allo stesso tempo incredulo, stupito, felice e impressionato. Un brano stupendo, un’esecuzione emozionante e travolgente.

Non potevo immaginare che da quel momento in avanti sarebbero cambiate così tante cose nella mia vita. Soltanto un mese dopo sarei stato con quella band nello studio dei Madyon per registrare e produrre il loro primo EP. E poi tanti concerti, tanti palchi condivisi e tanti momenti di spensieratezza passati a ridere, parlare di progetti futuri e sogni. Talvolta in Italia, talvolta in UK.

La vita però è stronza, lo sappiamo tutti, o quasi. Se mi incontrate in giro e vi va di parlarne io ci sto, chiunque voi siate.

Esattamente due anni fa, oggi, ci è stato strappato uno dei più bravi songwriter che io abbia mai conosciuto, il mio amico Ben Kench, due giorni dopo aver suonato sullo stesso palco con lui a Glastonbury. Non posso dire di essere stato un suo amico “storico” ma in un anno abbiamo condiviso tanto ed abbiamo vissuto insieme emozioni viscerali, di quelle che lasciano il segno. Veramente.
Ho imparato tanto da lui, ascoltando e analizzando le sue canzoni, i suoi testi. Tutte cose che oggi applico inconsciamente nei nuovi brani dei Madyon. Brani che custodisco sul mio telefono e che pian piano pubblicheremo, quando sarà il momento.

Oggi voglio ricordare Ben con quello che da tutti i Madyon e i Safehaus è stato decretato come il momento più bello vissuto insieme. Non si tratta di un evento pubblico ma dell’after show improvvisato tra di noi in una camera di hotel dopo aver suonato insieme all’Harvest Music Festival. Un ricordo di un valore inestimabile che durerà per sempre.

Live forever.

Dividere il tempo e dire “qua finisce l’anno e comincia quello successivo” forse è una cosa stupida che fanno gli esseri umani perché la vita in realtà è un ciclo continuo. Io però credo sia una cosa importante perché, in quanto esseri umani, abbiamo bisogno di regole e strutture… abbiamo bisogno di dare forma alle cose, chiudere cicli e aprirne dei nuovi per raggiungere obiettivi o per alimentare i ricordi tramite le ricorrenze.
L’anno dei Madyon non è finito il 31 dicembre 2016 ma è terminato con la fine di gennaio 2017. E a dire il vero non è finito soltanto un anno ma si è concluso un ciclo molto più ampio, un percorso iniziato diversi anni fa.
Alcune persone nelle ultime settimane mi hanno chiesto il motivo di questa scelta, avendo intuito qualcosa dalle ultime pubblicazioni sulle pagine social dei Madyon… ed è arrivato il momento di dare una risposta.

La musica è una cosa bellissima, meravigliosa. È ciò che ci tiene svegli la notte mentre cerchiamo di scrivere e modellare il suono delle emozioni. La sua massima espressione, poi, si ha quando si ottiene la chiusura del cerchio: quando qualcuno ti comunica che la tua canzone gli ha fatto provare un’emozione.
Quest’anno però ho scoperto che la musica può essere una cosa altrettanto terrificante. Soprattutto quando sali sul palco e le canzoni che suoni rappresentano qualcosa di terrificante. Nel nostro caso rappresentano una grande mancanza: la mancanza del nostro amico Paolo.

In tutte le date del tour, prima dell’ultima canzone, mi sono sempre preso qualche minuto per parlare con il pubblico, per raccontare a tutti di Paolino, per spiegare di quanto siamo stati onorati di poterlo portare sempre insieme a noi, su ogni palco.
Qualche notte fa però, prima di addormentarmi, ho riflettuto meglio su questo concetto ed ho capito che… non è vero. Non è vero che abbiamo portato Paolino sul palco insieme a noi.

Quest’affermazione è completamente sbagliata… perché in realtà è stato lui a portare noi sul palco. E non lo dico per dare un tono poetico a questo post, riflettendoci bene è stato davvero così.

Dalla mattina del 7 marzo 2016 i Madyon non sono più esistiti.
Nei mesi successivi sono stati il ricordo di Paolo e il senso di rivalsa nei confronti della vita che ci hanno spinto a portare a termine un progetto incompiuto. Un progetto che tutti sapevamo essere a tempo determinato e tutti ne avremmo fatto volentieri a meno, perché il sogno che avevamo condiviso non sarebbe più comunque stato lo stesso senza di lui. E mai lo sarà.

Nella musica però, ciò che è stato, sarà per sempre, perché la musica stessa è per sempre.

A questo punto, come sono solito fare sul palco, non mi resta che ringraziare tutte le persone che nell’ultimo anno hanno fatto sì che la musica dei Madyon non finisse con un alone di tristezza, forse la pagina più nera delle nostre vite. Ringrazio quindi Fabrizio Veglia e Francesco Kekko Romano alle chitarre, Paolo Bergese al basso, Michele Cera alla batteria, il nostro fonico Paolo Canu e Marco Dalmasso per essere sempre al mio fianco in qualsiasi decisione.

Ormai ci siamo abituati a vivere come se lui fosse realmente accanto a noi, in ogni situazione. È una cosa che ci aiuta. Per questo motivo, anche qui, oggi, ringrazio il Maestro Paolo Papini per aver passato con me ore e ore in studio, a comporre e registrare le nostre canzoni. Lo ringrazio inoltre per essere stato per tutti noi un grandissimo esempio di eleganza e bontà d’animo. Sempre politicamente corretto, equilibrato e a suo agio in ogni situazione. L’amico che ti fa venire il nervoso perché, al contrario tuo, riesce sempre a dire la cosa giusta al momento giusto 🙂

Lo ringrazio ancora una volta con l’epiteto di “Maestro” creato simpaticamente insieme a Lele Luciano, ormai due anni fa, durante la memorabile serata “Madyon :: Storytellers”.
Diversamente da tutti i concerti dei Madyon, durante i quali sono solito ricordarlo con un inevitabile alone di malinconia, oggi lo voglio ricordare così, con serenità, con un sorriso. Perché è questo che lui vorrebbe.

Ringrazio tutte le persone che ci sono state vicine, che hanno creduto nella nostra musica, che l’hanno ascoltata da soli, in cuffia o in auto. Ringrazio chi ci ha aiutato condividendo i nostri video, la nostra musica, sui social network, facendola ascoltare ai propri amici.
Ringrazio infine tutti quelli che sono venuti ai nostri concerti e voglio fare una menzione speciale per due persone in particolare: Giorgio Prandino e Alessio Papanti, per essere stati presenti a quasi tutte le date, partecipando in modo attivo allo spettacolo 🙂

Da adesso ci prenderemo un po’ di tempo per noi. Abbiamo bisogno di ritrovare l’amore per la musica, il piacere di suonare, solo per noi. Forse lo faremo come abbiamo fatto in passato, tornando su YouTube. Forse lo faremo con qualche concerto all’estero, come quelli che abbiamo pianificato già da tempo per fine aprile 2017. Forse ci chiuderemo in studio a suonare per il semplice piacere di farlo. Forse suoneremo qualche cover per divertirci. Forse registreremo alcune delle tante canzoni che ho scritto nell’ultimo anno. Forse le pubblicheremo, forse no.

Il futuro è incerto e non ci vogliamo pensare. Adesso abbiamo soltanto bisogno di curare le ferite che singolarmente abbiamo accumulato negli ultimi dodici mesi. Alcune di cui tutti sono a conoscenza, altre rimaste nella sfera privata di ognuno di noi.

È un mondo senza supereroi e non esistono superpoteri.

Qualche tempo fa però ho visto una persona, circondata e abbracciata dal suo giovane pubblico. Le dissi che doveva essere molto orgogliosa di essere un idolo per quei ragazzi. Lei mi rispose che non aveva l’ambizione di essere un idolo per loro. Avrebbe preferito essere un esempio.

In quell’occasione ho capito che se non ci sono supereroi, ognuno di noi può esserlo.

Con grande fatica, nelle ultime settimane, abbiamo messo mano al materiale video registrato tra il 2015 e il 2016, durante la produzione di “Roll The Shadows”, l’ultimo lavoro dei Madyon. L’ambizione di due anni fa era quella di creare un video “Making Of” del disco… ma a seguito della tragedia abbiamo abbandonato tutto. Nonostante il materiale fosse poco e incompleto, abbiamo provato a tirarne fuori un breve film, un cortometraggio.

Oggi, per noi, il risultato ottenuto ha un significato molto più profondo di un semplice “Making Of”. Abbiamo provato a trasformare i resti di una tragedia disastrosa in qualcosa di bello, in un ricordo tangibile che durerà per sempre, tenendo fede a quelli che erano gli accordi iniziali, come è stato per il tour. Come se nulla fosse cambiato da allora.

Il video si intitola “Chasing The Shadows” e uscirà domani, venerdì 24 febbraio 2017 dalle 13:00 sul canale YouTube dei Madyon.

Adesso però è arrivato il momento di tornare a casa. Come dice la canzone con cui siamo soliti chiudere i nostri concerti.

Grazie a tutti. Davvero.

🙂

Ho la fortuna e il grandissimo onore di lavorare con delle persone umanamente meravigliose. Da sempre. Persone con buonsenso, senso di giustizia e soprattutto con il coraggio di portare avanti questi ideali.

Nessuno lo sa ma esattamente 3 mesi fa la band dei Madyon si è sciolta, distrutta da una catastrofe inimmaginabile. I Madyon non esistevano più. Tutti i loro sogni… niente.
Per attaccare con decisione devi per forza scoprire la guardia e noi l’avevamo fatto, investendo le nostre vite su quel progetto. Non potevamo immaginare che in quel momento la vita avrebbe colpito così duramente. E così giù, al tappeto. Ed io, per la prima volta in tanti anni, senza la minima forza di rialzarmi.

Vaffanculo a tutto. Vaffanculo a chi tira le fila di un destino crudele e ingiusto. Vaffanculo anche a me, perché la mia filosofia causativa alla fine mi porta sempre a pensare a cos’avrei potuto fare io per evitare tutto questo.

Poi però è successa una cosa inaspettata. Sono comparse delle persone che hanno fatto un passo avanti e sono venute a cercarmi. Alcune di loro lavoravano con me ai Madyon da anni, dietro le quinte, dietro a un mixer o a una videocamera ed hanno deciso di passare in prima linea. Altre non le conoscevo e si sono presentate dicendomi

“Questa cosa non può finire qui, non è giusto, soprattutto per lui… e noi vogliamo darti una mano, non sappiamo come ma ti daremo una mano a ricostruire”.

Queste persone hanno un nome e si chiamano Anna, Ezio, Pol, Fabrizio, Michele, Kenu, Marco, Six, Lele… ai quali probabilmente non fa neanche piacere che io li citi, conoscendo il grado di umiltà che li contraddistingue.

Da qui siamo ripartiti, moralmente e praticamente, insieme, tutti spinti da un sentimento comune. Musicisti che, in quanto tali, avrebbero voluto prima di tutto poter esprimere il loro talento come compositori… ma che si sono adattati con coraggio alla condizione di dover mettere la faccia per portare avanti un ideale. Perché gli ideali vincono lo spazio e il tempo. Vincono la morte.

Come la musica.

In ogni istante ho avuto paura di perderli per strada. Negli ultimi mesi, in una situazione in cui nessuno muoveva un dito per aiutarmi in modo pratico, loro sono stati il mio unico appiglio. E ogni volta che ho visto il loro nome comparire sul cellulare ho avuto il timore che mi stessero chiamando per dire

“Mi dispiace Cristian… non ce la faccio”.

E invece no. Nessuno ha mai indietreggiato di un millimetro, solidi e uniti come una squadra di rugby. E il motivo glielo si può leggere negli occhi: queste persone sanno di fare la cosa giusta.

Faremo come abbiamo sempre fatto, ci comporteremo come un gruppo e valuteremo il parere di tutti noi, compreso quello di chi purtroppo non c’è più.

C’è una cosa però che non faremo mai: non spettacolarizzeremo mai il dolore. Non lo porteremo mai in piazza o al pub, in cerca di compassione. Quando una cosa conta veramente è inevitabile che ci siano lacrime… ma crediamo siano lacrime da versare in privato.

Noi non ricorderemo mai Paolo per il giorno in cui è mancato, per il vuoto incolmabile che questa tragedia ha creato nelle nostre vite. Noi lo ricorderemo in vita, per ciò che ci ha lasciato, per ciò che ci ha insegnato. Non spettacolarizzeremo mai la sua assenza o la sua “non presenza” ma celebreremo la continuità del progetto di cui faceva parte con la vita. Mostrando le persone che con grande coraggio si fanno carico di un onore immenso. Ci comporteremo come abbiamo fatto negli ultimi mesi, come se lui fosse accanto a noi. E lo sarà in ogni video, su ogni palco.

Ci sono momenti in cui le chitarre sono davvero pesanti da sorreggere ed io ringrazio le tantissime persone che negli ultimi giorni ci hanno scritto, mostrando grandissimo affetto e rispetto. Soprattutto verso chi, in questo caso, in questo video, ha dimostrato di avere forza e coraggio da vendere.

Grazie a queste persone la musica dei Madyon non si fermerà ed io sono davvero onorato di lavorare con loro.

Ieri i Madyon hanno chiuso la giornata alla posizione numero 9 nella classifica dei dischi più venduti in Italia su iTunes.

È la cosa più bella che mi sia successa da quando faccio musica e mi riempie il cuore di orgoglio. Non potete immaginare quanto. Ieri abbiamo venduto più dischi dei Coldplay, di Richard Ashcroft e di tanti altri artisti che da sempre ispirano la nostra musica. Ed è ancora più pazzesco vedere che, mentre sto scrivendo, siamo ancora lì, in Top10.

Un paio di mesi fa siamo stati invitati nelle sedi di alcune major e abbiamo avuto modo di confrontarci con grandissimi esperti, alcune fra le persone più influenti del mercato musicale.

“Quale giorno avete scelto per la pubblicazione del disco? – …venerdì 20 maggio” ho risposto.

A quel punto, dopo una rapida verifica, il discorso si è concentrato sul probabile errore di valutazione da parte nostra in merito a questa scelta.

“Il 20 maggio esce anche il disco di Richard Ashcroft che è un artista di riferimento per il vostro genere musicale. Partendo dal presupposto che una band italiana che fa musica in Inglese avrà sempre meno credibilità di un artista madrelingua, se un ragazzo ha 10 € quel giorno probabilmente li spenderà per comprare il suo disco e non il vostro”.

In quell’occasione non ho potuto far altro che stringere i denti ed annuire. Chi mi conosce bene sa quale faccia indosso (involontariamente) in situazioni del genere. Non vedevo l’ora di tornare a Cuneo per chiudermi in studio e lavorare.

Richard Ashcroft ieri ha chiuso 9 posizioni dietro di noi, dopo mesi di campagna pubblicitaria “pesante” a suo favore. Negli ultimi 60 giorni il suo ufficio stampa l’ha posizionato sulle copertine dei più importanti magazine musicali della nazione e sulle home-page delle rispettive webzine. Noi l’ufficio stampa non ce l’abbiamo.
Il bello della musica è che non c’è competizione, non c’è un vincitore e non c’è un vinto. Se proprio dovesse esserci un confronto al massimo saremmo noi ad uscirne sconfitti perché da domani i dischi di Richard Ashcroft e dei Coldplay continueranno la loro presenza in classifica mentre quello dei Madyon lentamente se ne tornerà da dov’è venuto.

Ma non oggi.

Oggi vince il duro lavoro. Oggi vince chi non si scoraggia. Chi la notte sta sveglio fino a tardi per inseguire un sogno. Oggi vince la conoscenza, chi ogni giorno vuole imparare qualcosa di nuovo. Oggi vince la musica indipendente, quella veramente indipendente, dove le risorse arrivano soltanto dai componenti della band. Oggi vince chi crede nella musica, chi alla musica dà un valore, acquistando i dischi. Oggi vince la città di Cuneo che solitamente non fa mai statistica ma che nelle ultime 24 ore è stata una delle città d’Italia che ha acquistato più musica. Oggi vince la collettività, perché su certi numeri a fare la differenza non è l’azione di un singolo ma la somma di tanti piccoli gesti, una somma di piccole cose.
Oggi vince chi non si fa dire da nessuno cosa può o non può fare, che non è all’altezza o che non ha sufficiente credibilità per raggiungere certi risultati.
Oggi vincono i numeri veri… che non lasciano spazio ad atteggiamenti conformisti da artistoide.
Oggi vincono un gruppo di ragazzi di Cuneo che avevano un progetto alternativo, che non passava dai percorsi “standard” della musica.

Con la stessa umiltà che da sempre contraddistingue il progetto dei Madyon, per la prima volta voglio mettere nero su bianco un concetto.

Ci siamo fatti un culo a capanna. Siamo stati criticati per le nostre scelte ed abbiamo fatto finta di ascoltare interessati mentre ci trovavamo di fronte chi voleva spiegarci “la vita” dall’alto di “non si sa bene cosa”. Abbiamo fatto dei sacrifici. Tanti. Abbiamo scelto un lavoro dove bisogna lavorare il doppio di un lavoro “normale” per arrivare a guadagnare la metà. Abbiamo rubato tempo agli affetti e ne abbiamo pagato le conseguenze.

Come ho scritto, nella musica non c’è competizione e se proprio dovesse esserci un confronto al massimo saremmo noi ad uscirne sconfitti contro le grandi produzioni. Da domani ce ne torneremo orgogliosamente da dove siamo venuti. Ma non oggi. Oggi, dopo anni di duro lavoro, vincono Cristian, Paolino, Pol, Kenu, Six, Marco, Michi, Fabry, Lele, Cascio e Andre.

Oggi vinciamo noi.

2016-05-20-iTunesChart_03

La realtà che conoscevi, completamente distrutta. In un istante.

E tu sei lì, totalmente anestetizzato, come se fossi in una bolla isolata acusticamente ed emozionalmente dal resto del mondo. Le mani che tremano ed il cuore che batte a mille. E poi quella devastante condizione d’impotenza. Freddo.
A un certo punto arrivi a un totale distacco dalla realtà. Se qualcuno ti fa una domanda riesci a rispondere ma se non ricevi un input dall’esterno… non pensi a niente. Ti fischiano le orecchie. Il vuoto.

Tremi.

Passano le ore e lentamente, telefonata dopo telefonata, torni al tuo ruolo, nei panni del personaggio che la gente vuole che interpreti. Ripeti parole, interlocutore dopo interlocutore, fino a quando le parole stesse perdono di significato. Diventa una filastrocca che alla fine reciti con gli occhi asciutti e la voce relativamente ferma.
A un certo punto ti chiudi e cerchi di riprendere contatto con la realtà rimanendo con le poche persone che pensi stiano provando sensazioni simili alle tue.

Dopo due giorni, l’immagine della macchina che si allontana: lo spettacolo è finito. La folla di Via Roma si ritira in pochi minuti e tu capisci che da quel momento nulla sarà più come prima. Lo sconforto. Sei rimasto solo. Ti volti e vedi un gruppo di ragazzi che fino a quel momento ha guardato a te come a un punto di riferimento… ma questa volta è diverso. Non hai risposte da dare, non hai soluzioni né proposte. Non puoi far altro che piangere.

Le ore volano e finiscono le celebrazioni per le strade come sui social, la gente torna alla quotidianità. Chi non riesce ancora a staccarsi da quel pensiero prova a trovare un rifugio concentrandosi sul proprio lavoro.

Ed è in questa fase che io avrei voluto poter fare lo stesso.

Pensare al nostro lavoro non ha fatto altro che affondarmi in uno sconforto ancora più grande perché la nostra attività lavorativa, da qualche mese, si chiamava “Madyon”. Avevamo deciso di fare il passo per diventare professionisti e per questo ci eravamo strutturati. Era tutto previsto dal programma che ho studiato anni fa e che abbiamo sempre seguito durante il nostro percorso, raggiungendo obiettivo dopo obiettivo.

L’uscita del nuovo disco seguita dal tour italiano dei Madyon: io e Paolo eravamo già pronti per tutto. Avevamo appena finito di ristrutturare la formazione che da quest’estate sarebbe partita per portare la nostra musica in giro per l’Italia.

Già, perché nelle ultime settimane è stata fatta un po’ di confusione dai giornali ed è bene fare chiarezza per evitare di fraintendere un weekend di divertimento tra amici con il profilo professionale di Paolo.

Paolo Papini era un artista ineguagliabile, persona di intelligenza superiore, di rara cultura e sensibilità, di raffinata eleganza, classe ed educazione, un grandissimo insegnante, geniale compositore, un professionista di livello internazionale. Con il massimo rispetto verso qualsiasi professione, com’è bene precisare che Paolo Papini non fosse un poliziotto, un elettricista o un medico, è bene precisare come non c’entrasse assolutamente nulla con “concerti per matrimoni e feste di piazza”. Quella era una sorta di vacanza con amici musicisti che non vedeva da tempo. Una delle cose più belle e genuine che possano esserci. Ma non confondiamo le cose.

Paolo Papini veniva con me a Londra a fare i dischi agli Abbey Road Studios.
Paolo Papini era un insegnante.

Sempre al mio fianco, in ogni decisione. Mi voltavo a destra e c’era lui. Il suo sorriso, la sua solidità. La capacità di dire sempre la cosa giusta. Quanto l’ho invidiato. Sempre politicamente corretto e pacifico, anche quando si parlava di persone che gli avevano fatto degli sgambetti. Il suo entusiasmo per qualsiasi novità, quell’entusiasmo che prendevamo in giro facendogli il verso.

“Ma è bellissimo!” o ancora “Ma è stupendo!”

Poi però arrivava il momento di scrivere le canzoni e a quel punto non si scherzava più. Faccia a faccia, in studio con le nostre chitarre. Io, lui e un iPhone per registrare le idee. Ho il cellulare pieno di materiale, così tanto da poterci fare un altro EP.

In questi giorni ho pensato tanto, galleggiando nello sconforto.

Una sera della scorsa settimana sono stato ripescato alla deriva da un amico. Una persona che mi ha ricordato quanto fosse grande la soddisfazione di Paolo per il lavoro svolto sul nuovo disco, durante gli ultimi giorni a Londra. C’è sempre stato molto di lui nella musica dei Madyon ma in questo disco più che mai.
Durante le sessioni di arrangiamento, quando ci trovavamo testa a testa, uno dei concetti che facevamo emergere più spesso era l’importanza di trovare la nota giusta al momento giusto. Non una di più, magari una di meno. Era importante che ogni singola nota avesse un grande impatto sulla canzone, cadendo in modo solenne. Era quella nota lì e non doveva essercene un’altra che potesse suonare meglio in quel posto. Lui era un maestro in questa cosa.

Lui era Il Maestro Paolo Papini.

Oggi quelle note suonano ancora più solenni. Solo da pochi giorni riesco ad ascoltare nuovamente la nostra musica. Per guardare i video invece servirà ancora del tempo.

In questi giorni c’è stato un ricordo in particolare che ha avuto la meglio sugli altri. Era la notte del 31 agosto 2015 e ci trovavamo a una festa di paese, cenando per le strade di un luogo non lontano da Cuneo. Finita la cena mi accompagnò alla macchina e rimanemmo a parlare fino a notte fonda. Tra i vari discorsi legati agli sviluppi dei Madyon, mi disse di quanto lo gratificasse professionalmente il progetto. Mi disse che si fidava di me.

Quella notte gli feci una promessa.

Ora però non è facile. È una situazione davvero delicata ed io, in questo momento, non so nemmeno come comportarmi quando cammino per le strade della mia città. Se penso a tutto ciò che abbiamo già realizzato insieme nei mesi scorsi per portare avanti i nostri sogni… ho il computer pieno di filmati di Paolo, non ancora pubblicati, legati al nuovo disco… e non oso neanche pensare al momento in cui dovremo metterli su Final Cut per lavorarli.

Mi è stato anche detto che il tempo aiuterà a prendere maggiore confidenza con questa situazione. Io non credo mi ci abituerò mai. In caso di dubbi sul da farsi mi è stato consigliato di stamparmi nel cervello la domanda

“Lui cosa ti direbbe di fare?”

Sappiamo tutti quale sarebbe la sua risposta ed io credo che a ripartirò proprio da qui, da ciò che vorrebbe lui. Questo è stato l’unico concetto solido in queste due settimane di devastazione. Qualcuno ci vedrà della strumentalizzazione, ne sono certo… ma non mi importa. In questa situazione l’unica cosa che conta per me è far vedere e sentire chi era Paolo Papini. Insieme a me e agli altri ragazzi ha investito e lavorato molto a questo disco, era una delle cose a cui più teneva e sarebbe una mancanza di rispetto buttare via tutto.

Nei giorni scorsi qualcuno mi ha detto che se prima aveva dei dubbi sul proseguire o meno con questo progetto, questa tragedia gli ha tolto definitivamente lo spirito per andare avanti. Beh io la penso esattamente all’opposto: se prima avevo mille motivazioni per portare avanti questa cosa, ora ne ho una in più.

Ho fatto una promessa a una persona e ho intenzione di mantenerla.

Paolo Papini, il nostro amico, il maestro, la chitarra dei Madyon, per sempre.

Paolo Papini, il nostro amico, il maestro, la chitarra dei Madyon, per sempre.

Mi ricordo che stavamo passeggiando per Shaftesbury Avenue. Eravamo un gruppo di persone abbastanza numeroso, tutti i Madyon più qualche amico, alla disperata ricerca di un locale dove poter cenare.

C’era euforia nell’aria, un po’ perché eravamo finalmente tutti insieme a fare una serata a Londra, un po’ perché quel pomeriggio, agli Abbey Road Studios, avevamo quasi ultimato “Roll The Shadows”, il nuovo EP dei Madyon.
Era venerdì 13 novembre 2015 e, quella sera, a partire dalle ore 21:00, tutti i locali hanno cominciato a chiedere i documenti di riconoscimento all’ingresso. Anche da McDonald’s.

Eravamo a Londra per celebrare la nostra più grande passione: la musica. Quella notte però la musica è diventata una vittima, come tutte le persone che hanno perso la vita o quella di un proprio caro al Bataclan.

Purtroppo una delle dinamiche più naturali del comportamento umano è quella di sensibilizzarsi nei confronti di un problema solamente quando questo si propone nelle vicinanze della propria quotidianità. Questo è il motivo per cui nel nostro paese si sono vissute meno le stragi avvenute in paesi lontani. I giornali ne hanno parlato molto. La risonanza di una notizia però non dipende mai dal volume mediatico ma da quanto la stessa riesca a radicarsi nei discorsi da bar.

Quella notte, cercando di trovare una risposta ad un banalissimo “perché?” ho capito che in fin dei conti non aveva importanza. Le ragioni di una fazione politica piuttosto che di un’altra (che non sa scindere tra “religione” e “politica”) non giustificherà mai il sangue versato dagli innocenti. In Francia come in Kenya come in Syria. E in tutti quei posti dove le luci dei missili, sotto un cielo stellato, ti crollano in testa.

Sono convinto che di fronte a queste realtà non bastino più il supporto morale o il like sul banner di sensibilizzazione su Facebook. I problemi concreti che si combattono soltanto con delle azioni altrettanto concrete.

I Madyon non sono gli U2 ma nel nostro piccolo avevamo un disco pronto per essere pubblicato e l’abbiamo messo da parte. Ho scritto “Your Love Is Not Enough” il lunedì successivo e in una settimana l’abbiamo registrata. Senza chiedere il permesso o la benedizione di qualcuno, con l’aiuto di PayPal abbiamo deciso di devolvere il 100% dei ricavati del brano ad UNICEF, un’associazione che da sempre tutela i diritti delle vere vittime di conflitti di questo tipo, di chi non ha scelto di vivere in quelle condizioni: i bambini.

Oggi alle 18:00 esce il video ufficiale di “Your Love Is Not Enough”, il nuovo singolo dei Madyon. Una canzone che fin dal titolo ha l’ambizione di comunicare, con musica e parole, i concetti e gli stati d’animo che ho espresso nelle righe precedenti.


ACQUISTA LA CANZONE: http://www.madyon.com/webstore

 

L’altra notte sono inciampato in un video su YouTube. In realtà avevo già visto quel video un paio d’anni fa ma al tempo non mi aveva colpito.

Si tratta di un video che la “World Health Organization” ha fatto realizzare dallo scrittore/illustratore Matthew Johnstone che a sua volta ha intitolato il video

“I had a black dog, his name was depression”

Come da titolo, nel video si cercano di spiegare i sintomi della depressione ed i metodi per uscirne rappresentando la stessa come un cane nero.

[video_player type=”youtube” width=”640″ height=”360″ align=”center” margin_top=”0″ margin_bottom=”20″]aHR0cHM6Ly93d3cueW91dHViZS5jb20vd2F0Y2g/dj13QVdSRVVYOG1Zcw==[/video_player]

In passato anch’io ho dato il mio personalissimo contributo ai cattivi pensieri e ai momenti bui. L’ho fatto scrivendo una canzone che si intitola “Behind”, la traccia n.5 di “Miracle EP” dei Madyon.
La cosa che accomuna il mio pensiero a quello di Matthew Johnstone riguarda il metodo per poter combattere ed allontanare i momenti difficili, i fantasmi che ognuno di noi si porta appresso: la condivisione con persone in grado di comprendere quegli stati d’animo.

Sembra una stupidaggine ma non lo è, secondo me. Proprio l’altra sera mi confrontavo con una persona sulla difficoltà che molte persone hanno nel trovare, all’interno delle proprie cerchie, una persona disponibile e comprensiva con la quale condividere i propri problemi, nella speranza di ricevere un buon consiglio, uno spunto o anche solo un po’ di comprensione.

Io ad esempio, dopo due anni e mezzo di incessante lavoro, negli ultimi tre mesi mi sono completamente allontanato dai progetti che porto avanti con la musica, trovando scuse per non andare in studio di registrazione, mentendo a me stesso e ai miei compagni di lavoro. Inconsciamente ho incolpato quell’aspetto della mia vita (un’attività che mi ha reso un eremita per tutto il periodo estivo) per avermi fatto vivere un brutto periodo ed avermi fatto allontanare da persone care.

Per mia fortuna ho attorno a me persone in grado di ascoltare e formulare analisi costruttive. Queste persone mi hanno aiutato a capire dove stava il vero problema… e non risiedeva assolutamente in un’attività della mia vita ma in me stesso. Così sono cambiato. Di nuovo.

È importante essere sempre consapevoli che ogni minuto che passa è un’occasione per rivoluzione tutto completamente.

Ho ripreso controllo e motivazione, ho focalizzato nuovi obiettivi e siamo tornati al lavoro.
Questa storia finisce così: domani esce il nuovo video dei Madyon, online su YouTube dalle 12:00 am.

Potrei raccontare di una noiosissima fase di naming, caratterizzata dalla selezione di consonanti “morbide” e dalla ricerca di una parola che non fosse ancora indicizzata sui motori di ricerca in modo da ottenere fin da subito il miglior posizionamento possibile sul web. Potrei raccontare di come il risultato dovesse essere in linea con determinate caratteristiche, legate alla lunghezza della parola o all’univoca pronunciabilità in tutte le lingue del mondo. Potrei raccontarvi tutto questo.

Oppure potrei raccontarvi di una notte in cui, come tutte le notti, ero a letto con il portatile aperto sulla faccia, intento a ricercare… cose su internet. Nel dettaglio stavo visitando il sito internet di un illustratore, tale Ryan Woodward. Non avevo digitato il suo nome per arrivare al suo sito, c’ero arrivato da un sito che raccoglieva i migliori Doodle di sempre. Ebbene da quella lunga lista il mio preferito risultò (e risulta tutt’ora) essere il Doodle realizzato per celebrare la vita della coreografa Martha Graham, a quanto pare leggendaria maestra di danza moderna che ha vissuto per quasi tutta la durata del XX secolo. Risalendo alla fonte scoprii che quel gran pezzo di Doodle portava la firma di Ryan Woodward. Da qui arrivai al suo sito.

Rimasi rapito da una sua opera in particolare, un video realizzato con lo stile grafico del Doodle. Il titolo del video era (ed è) “Thought Of You” e cominciai a guardarlo in loop, un po’ perché la canzone di sottofondo era bellissima, un po’ perché il video stesso era bellissimo… e soprattutto non riuscivo a dargli la giusta interpretazione.

Stiamo parlando di un passo a due dove i protagonisti bucano lo schermo a colpi di movimenti sinuosi e marziali allo stesso tempo. Lei continua ad apparire, accompagnare il partner per qualche istante per poi svanire e ricomparire qualche fotogramma più tardi. Guardatelo.

[video_player type=”youtube” width=”640″ height=”360″ align=”left” margin_top=”0″ margin_bottom=”20″]aHR0cHM6Ly93d3cueW91dHViZS5jb20vd2F0Y2g/dj1PQmszeW5SYnRzdw==[/video_player]

Dopo un po’ riuscii a formulare la mia personalissima interpretazione.

Mi piace vederla così. Comincia un giorno come tanti, in cui lui è molto innamorato di lei. Lei è perfetta ai suoi occhi e la insegue ogni volta che lei compare… e costantemente si schianta al suolo ogni volta che lei svanisce. Il tratto grafico con cui sono disegnati però li differenzia: lui ha una figura completa, solida, fatta di luci ed ombre; lei ha un tratto sottilissimo, accennato, senza ombre, quasi come se fosse soltanto un’idea. Questo equilibrio però a un certo punto cambia, a partire da 1:45, quando lui, steso e totalmente affranto a causa dell’ultima scomparsa della “pacchinara” che continua a concedergli soltanto pochi istanti di attenzione per volta, si rialza in una condizione assolutamente anomala. E’ al limite, non riesce quasi a sollevarsi, la sua ombra e la sua frustrazione diventano un peso immenso da gestire. Con un estremo gesto di forza se ne libera e si addormenta perché la notte è finalmente sopraggiunta. Al suo risveglio le sue zone d’ombra sono svanite, i tratti di leggerezza lo rendono simile alla sua amata. Dopo un paio di inseguimenti finiti come sempre, finalmente i due si incontrano in un lento abbraccio che regala alla ragazza una forma concreta, fatta di luci ed ombre. In questo momento lui capisce che era innamorato dell’idea che aveva della donna e non della vera sostanza. Così, quando finalmente lei è concreta e pronta per lui… lui se ne va, tristemente confuso, lasciando lei sola, per la prima volta al suolo.

WOW.

Quella sera mi addormentai esaltato dalla genialità del video che avevo appena visto per 20 volte. Il mattino seguente mi svegliai e nella testa avevo ancora la canzone dei The Weepies dal titolo “The World Spins Madly On”, usata come colonna sonora del video. Ebbene si, continuavo a canticchiarmi nella testa “…and the world spins MADLY ON”. Da quel momento la fase di naming per la band durò ancora un minuto circa.

E chissà che l’altra storia, quella accennata all’inizio di questo post, non si sviluppò proprio in quel minuto esatto.

Buonanotte 🙂